Perché realizzare un’app turistica

app turistica

 

Perché una struttura d’accoglienza deve fare un’app turistica

Al giorno d’oggi le aspettative fondamentali di un turista possono essere definite da 4 parole: Proprio qui, proprio ora!

Le persone decidono rapidamente, all’ultimo momento e il viaggio è sempre meno organizzato in tutti i dettagli. Diventa quindi utile offrire informazioni pratiche di cui fidarsi e servizi basati sulla localizzazione:

–          cosa c’è qui intorno ora (mangiare, vedere, dormire, acquistare,…);

–          come faccio a trovare e stabilire un contatto;

–          ricordare che Google Maps costituisce la piattaforma su cui tutti operano tranquillamente.

In questo senso l’app costituisce una delle migliori risposte a queste esigenze.

 

Le principali funzionalità della tua app turistica

Una app dedicata al turismo deve essere mirata alla fidelizzazione dei clienti dovrebbe essenzialmente:

–          essere personalizzata (ricordare cioè le preferenze dell’utente);

–          offrire modalità di pagamento facili (informazioni di pagamento pre-memorizzate);

–          fornire le informazioni su quanto avviene o è presente nelle vicinanze;

–          consentire l’accesso offline / online a mappe che tengano conto della propria posizione;

–          fornire informazioni dettagliate sui servizi della struttura facilitandone la prenotazione o l’ordine;

–          far risparmiare tempo (check-in, check-out).

 

A titolo di esempio ecco la app dell’ Hotel Alexandra di Copenhagen, una vera e propria estensione del servizio dell’hotel. Essa viene distribuita alla reception dell’hotel come una classica cartina cartacea e presenta tutte le opportunità e gli eventi attorno all’hotel. I vantaggi risiedono nella possibilità di dare suggerimenti personalizzati, anche in funzione del tipo di clientela (giovani, anziani, famiglie con bambini, ecc. e di essere centrata attorno alla posizione.

app turistica

Misurare il successo della propria app

Molte volte le app falliscono, ma quando falliscono è solo perché avevano obiettivi sbagliati o non chiari.

Il successo di un app non dipende infatti dal numero di download, ma dalla sua capacità di risolvere un problema per l’utente:

–          costituire un’alternativa alla brochure o alla mappa cartacea;

–          rendere le informazioni più importanti sempre a portata di mano;

–          accelerare il check-in o il check out o ridurre le attese in genere.

Quindi, anche se le applicazioni vengono cancellate subito dopo il soggiorno (anche le brochure vengono buttate), anche se il numero di download è ridotto, ciò non significa che non offrano un grande servizio al cliente: costituiscono uno strumento di fidelizzazione, non di pubblicità, e il loro compito è servire al momento giusto.

La stessa App può essere poi utilizzata per offrire e vendere più servizi agli ospiti (massaggi, un libro, la spa, il noleggio di una bici, un tour, un tavolo al ristorante, il servizio in camera, l’aperitivo prima di cena, il dentifricio, l’accesso a internet, e così via).

Altri servizi integrabili potrebbero riguardare la comunicazione automatica di offerte o promozioni in funzione della posizione dell’utente (un’ happy hour, un’informazione pratica, segnalare la presenza di un edificio particolare, ecc.).

Come operare

Il modo migliore per cominciare è quello di offrire al cliente una app davvero facile da usare e che consenta di superare la tradizionale barriera scarsa fiducia.

L’hotel da parte sua potrebbe evitare soluzioni e integrazioni costose senza prima verificare tutte le funzionalità. Ad esempio per partire più velocemente, nella fase iniziale si potrebbe predisporre solo un sistema che trasmette allo staff dell’hotel le richieste di servizi o prodotti, la cui fatturazione potrebbe poi essere integrata nella fattura normale.

In seguito si potrà procedere all’integrazione diretta con il sistema contabile, o utilizzare altre modalità di pagamento online.

Conclusioni

Molte applicazioni per alberghi sono state fatte troppo male per avere successo, quasi che l’obiettivo fosse solo avere l’app e non soddisfare un bisogno e ciò ha generato qualche esperienza negativa.

Per fare in modo che gli ospiti usino l’app occorre che:

–          sia facile da usare (non troppo testo o informazioni non utili);

–          disponga di visual e design piacevole;

–          risolva realmente un problema per gli ospiti.

 

I veri obiettivi sono:

–          contribuire a creare grandi ricordi ed essere parte di esperienze positive;

–          motivare i clienti a prenotare di più e prenotare direttamente.

 

Non pensate che possa essere utile anche per voi?